Formazione Professionale Continua per Giornalisti professionisti e pubblicisti

Mobile Journalism (mojo) 2: giornalismo con lo smartphone, postproduzione e pubblicazione

Bologna, 24 Ottobre 2017
8 CREDITI per la Formazione Professionale Continua dei giornalisti

 mobile journalism

Il Centro di Documentazione Giornalistica, attraverso il Centrostudi Giornalismo e Comunicazione organizza il corso di formazione "Mobile Journalism (mojo) 2: giornalismo con lo smartphone, postproduzione e pubblicazione”, valido 8 crediti per la formazione professionale continua dei giornalisti.

L'evento è in programma il 24 Ottobre 2017, dalle 9:30 alle 18:00, presso Palazzo Magnani - Via Zamboni, 20 (Sala Carracci) Bologna.

La quota di partecipazione è di 100,00 euro

ISCRIVITI ORA

 

Per chi partecipa anche al primo modulo di questo corso, è previsto uno sconto del 20% sul totale (160 € anzichè 200 €).

ISCRIVITI AI DUE CORSI

 

Obiettivi

Il corso vuole fornire ai partecipanti le nozioni teoriche e pratiche di base sulla post-produzione, per poter montare con il proprio smartphone il girato in modalità "mobile journalism", e sul "delivery", la distribuzione multipiattaforma del prodotto finito.
Nel corso della giornata, dopo una panoramica sulle ultime novità nel "linguaggio" della post produzione, si apprenderanno i fondamenti della grammatica del montaggio, panoramica su software come iMovie, LumaFusion e Cinemaster. Verrà realizzata un'esercitazione pratica con successiva revisione del lavoro svolto.
RICHIESTE TECNICHE PER I PARTECIPANTI Prima di iscriversi e procedere con il pagamento si invita a visitare il link: http://www.giornalismoecomunicazione.it/home/formazione-professionale-continua-per-giornalisti/175-mobile-journalism-requisiti-tecnici.html

 

Programma:

  • Introduzione alla post-produzione legata al mobile journalism
  • Nozioni teoriche e pratiche di base per poter montare con il proprio smartphone del girato realizzato in modalità "mobile journalism"
  • Il “linguaggio” della post produzione: gli scenari attuali e le ultima novità
  • I fondamenti della grammatica del montaggio
  • La distribuzione multipiattaforma del prodotto finito
  • I Mezzi e gli accessori da usare per la post-produzione video del girato con gli smartphone
  • Introduzione all’uso di software come iMovie, LumaFusion e Cinemaster
  • Esercitazione pratica e revisione del lavoro svolto

 

Docenti:

  • Nico Piro
    E' un inviato speciale della Rai per il Tg3. Negli anni si è occupato di aree di crisi e zone di guerra, in particolare dell’Afghanistan ma anche di Georgia, Sierra Leone, Grecia. Per il suo lavoro ha ricevuto numerosi premi, tra cui il Premio Ilaria Alpi (2008), il Premio Marco Luchetta (2009), il Premio Giancarlo Siani (2011), il premio Alberto Jacoviello (2016), il Premiolino 2017. Viene considerato il pioniere italiano del Mobile Journalism. E’ autore del documentario autoprodotto, “KILLA DIZEZ – Vita e morte al tempo di Ebola” (6/2015) che è stato proiettato in festival ed eventi in tutto il mondo. Tra gli altri riconoscimenti ha ricevuto il premio “Best Emerging Filmaker” al TAFF – The African Film Festival di Dallas, Texas, nel luglio 2016.

  • Enrico Farro
    Presidente dell’Associazione Nazionale Filmaker. Lavora come videomaker per diverse trasmissioni Rai, ha collaborato con Mediaset e con le produzioni di diversi documentari. Vincitore di Corto Doc al Bellaria Film Festival 2009, si occupa anche di iniziative di formazione presso l'Associazione Stampa Romana e altre organizzazioni.

 

 

Per informazioni: andreatirone@cdgweb.it - 06.6791496

 

MAIN SPONSOR

Unicredit 280

Iscriviti alla newsletter

Compila il form per iscriverti alla nostra newsletter.

Ho letto l'informativa privacy e acconsento all'uso dei dati

Regolamento per la Formazione Professionale Continua dei giornalisti professionisti e pubblicisti

Per effetto dell'art.7 del Dpr 137/2012, dal primo gennaio 2014 anche i giornalisti italiani dovranno assolvere all'obbligo della Formazione Professionale Continua (FPC) per adeguarsi alla normativa che prevede l'aggiornamento per tutti gli iscritti ad un Ordine professionale come una delle condizioni per poter mantenere la propria iscrizione all'Ordine stesso.

Crediti formativi:

Ogni iscritto dovrà maturare 60 crediti formativi (CFP) in un triennio, (con un minimo di 15 crediti annuali) di cui almeno 20 su temi deontologici. I crediti possono anche essere interamente conseguiti seguendo gli eventi formativi on-line.

Consulta i tuoi crediti formativi sulla piattaforma Sigef >>

 

La normativa di riferimento:

La formazione professionale continua è un obbligo deontologico per tutti i giornalisti in attività. (art.2 del Regolamento sulla FPC).
Il giornalista può essere esentato dallo svolgimento della formazione professionale continua nei seguenti casi:

  • Gli iscritti all'Albo da più di 30 anni che svolgano attività giornalistica, a qualsiasi titolo, sono tenuti ad assolvere l'obbligo formativo limitatamente all'acquisizione di 20 crediti deontologici nel triennio.
  • Sono esentati dall'obbligo formativo coloro che sono in quiescenza a condizione che non svolgano alcuna attività giornalistica.

Il periodo di formazione professionale continua è triennale. Il primo triennio decorre dal 1 gennaio 2014. Per i neo-iscritti, così come per coloro i quali erano esentati per i primi tre anni d'iscrizione in virtù del vecchio regolamento, l'obbligo formativo scatterà a partire dal 1 gennaio 2016.


In base all'art 2 del Regolamento il giornalista deve acquisire 60 crediti formativi in ciascun triennio, con un minimo di 15 crediti annuali di cui almeno 20 su temi deontologici. I crediti possono anche essere interamente conseguiti seguendo gli eventi formativi on-line.

Ogni ora trascorsa per partecipare ad un evento formativo darà diritto a 1 credito.

Sanzioni:

La violazione dell'obbligo di formazione continua comporta la possibilità di avviare un'azione disciplinare nei confronti dell'iscritto inadempiente. Qualora persista l'inosservanza, il Consiglio regionale dell'Ordine ne dà segnalazione al Consiglio di disciplina territoriale.

Per ulteriori informazioni:
http://www.odg.it/content/formazione-continua