Formazione Professionale Continua per Giornalisti professionisti e pubblicisti

Con il patrocinio di

repubblica italiana  Ministero
delle Infrastrutture e dei Trasporti

CONNETTERE ITALIA

Il Codice degli appalti e l’iter di realizzazione delle infrastrutture
Corso di specializzazione per giornalisti. Infrastrutture, economia e giornalismo (III° Incontro)

Roma, 18 Aprile 2018
5 CREDITI per la Formazione Professionale Continua dei giornalisti

anas 3 incontro

Il Centro di Documentazione Giornalistica, attraverso il Centrostudi Giornalismo e Comunicazione organizza, in collaborazione con Anas, il corso di formazione "Connettere Italia", valido 5 crediti per la formazione professionale continua dei giornalisti.

L'evento è in programma il 18 Aprile 2018, dalle 9:00 alle 14:00, presso il Parlamentino del Consiglio superiore dei Lavori pubblici del MIT - Via Nomentana, 2 - ROMA.

Il corso prevede prenotazione obbligatoria, iscrivendosi attraverso la Piattaforma Sigef, nella sezione relativa a CORSI ENTI TERZI.

La quota di partecipazione è gratuita.

Obiettivi:
Il corso ha come scopo quello di formare i giornalisti sui molteplici aspetti che il mondo delle infrastrutture rappresentano per il Paese e di fornire nozioni e strumenti per consentire di valutare l’importanza di questo settore sotto i molteplici aspetti: economico, occupazionale, ambientale, strategico, etc.
Il terzo incontro affronterà il tema del codice degli appalti e delle regole necessarie per la pianificazione, programmazione e progettazione delle infrastrutture.
Il corso di specializzazione sarà patrocinato dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (Mit).

Programma:

9.00 - Accoglienza e informazioni tecniche sulla formazione professionale continua dei giornalisti

9.30 - Saluti: Ing. Pierluigi Coppola - Esperto della Struttura tecnica di missione per l'indirizzo strategico, lo sviluppo delle infrastrutture e l'Alta sorveglianza del MIT

9.45 - Introduzione e finalità del corso
Costruire le infrastrutture – Il codice degli appalti e le norme che il giornalista deve conoscere bene
Antonella Baccaro – giornalista Corriere della Sera

10.15 - L’importanza delle nuove norme tecniche per le grandi infrastrutture
Massimo Sessa - Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici

10.45 – Casi pratici - Le stazioni appaltanti spiegano il Codice: il caso Ferrovie
Edgardo Greco - Direzione Centrale Governance Partecipazioni Estere (già Direttore Acquisti RFI)

11.15 - coffee break

11.45 - “Le nuove regole per la pianificazione, la programmazione e la progettazione delle infrastrutture”
Ennio Cascetta - Presidente Anas

12.15 – I problemi del Codice e le prospettive di riforma con il nuovo Governo
Gianluca Senese - Giornalista dell’Agenzia di stampa Askanews

12.45 - Casi pratici - Le stazioni appaltanti spiegano il Codice: il caso Anas
Adriana Palmigiano - Direttore Appalti e Acquisti Anas

13.15 – Domande e risposte

14.00 - Fine lavori

 

 Per informazioni: andreatirone@cdgweb.it - 06.6791496

In collaborazione con

logotext

 


Iscriviti alla newsletter

Compila il form per iscriverti alla nostra newsletter.

Ho letto l'informativa privacy e acconsento all'uso dei dati

Regolamento per la Formazione Professionale Continua dei giornalisti professionisti e pubblicisti

Per effetto dell'art.7 del Dpr 137/2012, dal primo gennaio 2014 anche i giornalisti italiani dovranno assolvere all'obbligo della Formazione Professionale Continua (FPC) per adeguarsi alla normativa che prevede l'aggiornamento per tutti gli iscritti ad un Ordine professionale come una delle condizioni per poter mantenere la propria iscrizione all'Ordine stesso.

Crediti formativi:

Ogni iscritto dovrà maturare 60 crediti formativi (CFP) in un triennio, (con un minimo di 15 crediti annuali) di cui almeno 20 su temi deontologici. I crediti possono anche essere interamente conseguiti seguendo gli eventi formativi on-line.

Consulta i tuoi crediti formativi sulla piattaforma Sigef >>

 

La normativa di riferimento:

La formazione professionale continua è un obbligo deontologico per tutti i giornalisti in attività. (art.2 del Regolamento sulla FPC).
Il giornalista può essere esentato dallo svolgimento della formazione professionale continua nei seguenti casi:

  • Gli iscritti all'Albo da più di 30 anni che svolgano attività giornalistica, a qualsiasi titolo, sono tenuti ad assolvere l'obbligo formativo limitatamente all'acquisizione di 20 crediti deontologici nel triennio.
  • Sono esentati dall'obbligo formativo coloro che sono in quiescenza a condizione che non svolgano alcuna attività giornalistica.

Il periodo di formazione professionale continua è triennale. Il primo triennio decorre dal 1 gennaio 2014. Per i neo-iscritti, così come per coloro i quali erano esentati per i primi tre anni d'iscrizione in virtù del vecchio regolamento, l'obbligo formativo scatterà a partire dal 1 gennaio 2016.


In base all'art 2 del Regolamento il giornalista deve acquisire 60 crediti formativi in ciascun triennio, con un minimo di 15 crediti annuali di cui almeno 20 su temi deontologici. I crediti possono anche essere interamente conseguiti seguendo gli eventi formativi on-line.

Ogni ora trascorsa per partecipare ad un evento formativo darà diritto a 1 credito.

Sanzioni:

La violazione dell'obbligo di formazione continua comporta la possibilità di avviare un'azione disciplinare nei confronti dell'iscritto inadempiente. Qualora persista l'inosservanza, il Consiglio regionale dell'Ordine ne dà segnalazione al Consiglio di disciplina territoriale.

Per ulteriori informazioni:
http://www.odg.it/content/formazione-continua