Formazione Professionale Continua per Giornalisti professionisti e pubblicisti

MObile JOurnalism:
giornalismo con lo smartphone

Milano, 10/11 Ottobre 2018
8+8 CREDITI per la Formazione Professionale Continua dei giornalisti

 mojo th

Il Centro di Documentazione Giornalistica, attraverso il Centrostudi Giornalismo e Comunicazione organizza il corso di formazione "Mobile Journalism (mojo)". Il corso si articola in due giornate che assegnano ciascuna 8 crediti per la formazione professionale continua dei giornalisti.

Il corso di svolgerà mercoledì 10 e giovedì 11 ottobre 2018 a Milano, presso la Emit Feltrinelli, Piazzale Cantore 10, orario 9:30-18.

La quota di partecipazione alla singola giornata è di 102,00 euro

Per chi partecipa anche alla seconda giornata è previsto uno sconto del 20% sul totale (162 € anzichè 202 €).

Per l'occasione i partecipanti al corso potranno acquistare il libro "Mobile Journalism", scritto dal docente Nico Piro, ad un prezzo scontato di 20 € anzichè 29 €.

 

10 OTTOBRE - CORSO BASE INTRODUZIONE AL MOBILE JOURNALISM

In questa giornata, ci avvicineremo al Mobile Journalism, impareremo come realizzare video professionali con lo smartphone, come utilizzare il girato per un efficace racconto giornalistico per immagini, con cenni alla realizzazione di prodotti creati su mobile per utilizzo su mobile.

Ecco alcuni dei temi trattati: evoluzione del video giornalismo come e perchè siamo arrivati al mojo; elementi di grammatica dell'immagine; esempi dalla produzione mondiale in mobile (giornalistica e non); uso di FilmicPro ed elementi di "fotografia"; cenni di montaggio non lineare, cenni di montaggio mobile (KineMaster, iMovie...anticipazioni su LumaFusion).

11 OTTOBRE - CORSO AVANZATO IL MOJO IN PRATICA

In questa giornata metteremo in pratica le competenze acquisite nel corso base. Verranno realizzate delle simulazioni di alcune tra le più ricorrenti condizioni di ripresa. A titolo indicativo: la conferenza stampa; l'intervista.

I partecipanti realizzeranno il proprio prodotto girato e montato, affrontando condizioni prossime a quelle reali sul campo. I prodotti verranno poi revisionati insieme alla classe, condividendo pro e contro del lavoro.

Le simulazioni vengono qui descritte titolo indicativo perché nei limiti di tempo i docenti tenteranno di prendere in considerazione anche le richieste della classe rispetto ad altre condizioni di utilizzo, purchè non eccessivamente settoriali e quindi a beneficio di tutti i partecipanti. Nel caso verrà presa in considerazione anche un'uscita in esterna.

SPECIFICHE TECNICHE

I partecipanti sono pregati di partecipare con uno smartphone (ammesso ma non consigliato l'uso dei tablet) dalla memoria sufficientemente vuota e/o capiente. Di portare con se il caricabatteria (meglio se anche una batteria esterna - battery pack).

Fermo restando che la partecipazione è possibile anche solo usando la "camera app" (l'applicazione telecamera di "serie"), è fortemente raccomandato l'utilizzo della app FilmicPro che va quindi acquistata e installata prima della partecipazione. FilmicPro è compatibile praticamente con tutti i modelli più recenti di iPhone, è compatibile con i dispostivi Android di fascia alta. Per avere certezza dell'effettiva compatibilità, su Play Store troverete la app gratuita Filmic Evaluator che effettua un test dell'hardware. Se non la visualizzate vuol dire che il vostro smartphone non è compatibile.


Vi chiediamo inoltre di installare la app Kinemaster (gratuita nella sua versione con "inkmark") compatibile sia con Android che con iOS (iPhone).


Gli utenti di iOS possono anche utilizzare iMovie (installato di serie nelle ultime versioni del sistema).

 

 

Per informazioni: andreatirone@cdgweb.it - 06.6791496

 

MAIN SPONSOR

Unicredit 280

Iscriviti alla newsletter

Compila il form per iscriverti alla nostra newsletter.

Ho letto l'informativa privacy e acconsento all'uso dei dati

Regolamento per la Formazione Professionale Continua dei giornalisti professionisti e pubblicisti

Per effetto dell'art.7 del Dpr 137/2012, dal primo gennaio 2014 anche i giornalisti italiani dovranno assolvere all'obbligo della Formazione Professionale Continua (FPC) per adeguarsi alla normativa che prevede l'aggiornamento per tutti gli iscritti ad un Ordine professionale come una delle condizioni per poter mantenere la propria iscrizione all'Ordine stesso.

Crediti formativi:

Ogni iscritto dovrà maturare 60 crediti formativi (CFP) in un triennio, (con un minimo di 15 crediti annuali) di cui almeno 20 su temi deontologici. I crediti possono anche essere interamente conseguiti seguendo gli eventi formativi on-line.

Consulta i tuoi crediti formativi sulla piattaforma Sigef >>

 

La normativa di riferimento:

La formazione professionale continua è un obbligo deontologico per tutti i giornalisti in attività. (art.2 del Regolamento sulla FPC).
Il giornalista può essere esentato dallo svolgimento della formazione professionale continua nei seguenti casi:

  • Gli iscritti all'Albo da più di 30 anni che svolgano attività giornalistica, a qualsiasi titolo, sono tenuti ad assolvere l'obbligo formativo limitatamente all'acquisizione di 20 crediti deontologici nel triennio.
  • Sono esentati dall'obbligo formativo coloro che sono in quiescenza a condizione che non svolgano alcuna attività giornalistica.

Il periodo di formazione professionale continua è triennale. Il primo triennio decorre dal 1 gennaio 2014. Per i neo-iscritti, così come per coloro i quali erano esentati per i primi tre anni d'iscrizione in virtù del vecchio regolamento, l'obbligo formativo scatterà a partire dal 1 gennaio 2016.


In base all'art 2 del Regolamento il giornalista deve acquisire 60 crediti formativi in ciascun triennio, con un minimo di 15 crediti annuali di cui almeno 20 su temi deontologici. I crediti possono anche essere interamente conseguiti seguendo gli eventi formativi on-line.

Ogni ora trascorsa per partecipare ad un evento formativo darà diritto a 1 credito.

Sanzioni:

La violazione dell'obbligo di formazione continua comporta la possibilità di avviare un'azione disciplinare nei confronti dell'iscritto inadempiente. Qualora persista l'inosservanza, il Consiglio regionale dell'Ordine ne dà segnalazione al Consiglio di disciplina territoriale.

Per ulteriori informazioni:
http://www.odg.it/content/formazione-continua