Formazione Professionale Continua per Giornalisti professionisti e pubblicisti

La gestione mediatica della crisi tra informazione e comunicazione

Roma, 6 novembre 2015

8 crediti per la formazione professionale continua dei giornalisti

banner crisi

Il Centro di Documentazione Giornalistica, attraverso il Centrostudi Giornalismo e Comunicazione organizza il corso di formazione "La gestione mediatica della crisi tra informazione e comunicazione", valido 8 crediti per la formazione professionale continua dei giornalisti.

L'evento è in programma il 6 novembre 2015, dalle 9:30 alle 18:30, presso la Sede Unicredit, Viale Tupini n°180 - Roma.

Il corso prevede prenotazione obbligatoria.

Competenze

Formulare, coordinare e gestire strategie di comunicazione per rispondere con efficacia a situazioni di crisi; migliorare la padronanza degli strumenti di comunicazione; approfondire piani e procedure per sviluppare un’integrazione dei saperi che permetta ai giornalisti di orientare in maniera costruttiva e corretta l’opinione pubblica.

Obiettivi

Apprendere cos'è e come affrontare efficacemente la comunicazione in una situazione di crisi anche attraverso Internet e i social media; imparare come gestire le notizie che non si vorrebbero mai dare; aumentare la conoscenza e la consapevolezza dei comportamenti da tenere in caso di scenari di emergenza; fornire la cognizione di quali sono i comuni aspetti psicologici delle eventuali vittime coinvolte; come rendere idonea la comunicazione con la popolazione e le vittime coinvolte in emergenza.

Relatori

sommo grisanti diiorio
Pier Carlo Sommo
Giornalista e comunicatore
Fabio Grisanti
Dirigente d'impresa
Rita Di Iorio
Psicologa delle emergenze

Pier Carlo Sommo
Torinese, laureato in Giurisprudenza e giornalista professionista. Dal 1978 si occupa di comunicazione ed informazione nella pubblica amministrazione. Dal 1986 al 1998 è stato vice capo di Gabinetto e responsabile delle relazioni esterne della Provincia di Torino. Dal 1999 opera nella sanità pubblica; attualmente è direttore della SC relazioni esterne e capo ufficio stampa dell'ASLTO2 Torino Nord. È docente in master, laboratori e seminari presso le Università di Torino, Bologna, Siena e IULM (Milano). È consigliere nazionale dell'Associazione italiana per la Comunicazione Pubblica ed Istituzionale e co-responsabile della Commissione Sanità. È membro del direttivo del Club di Comunicazione d'Impresa dell'Unione Industriale di Torino.

Fabio Grisanti
Laurea in giurisprudenza, giornalista pubblicista, consigliere UGAI ( fino al 2012 ),Segretario Nazionale U.DI.COM ( 2010 ), presidente di Roviano Fotografia ( 2012 ), ha iniziato la sua attività professionale in Rusconi Editore ( 1977 ) per poi approdare in Alitalia ( 1980 ) dal quale ufficio stampa ( 1993 ) ne è uscito per assumere in ADR Aeroporti di Roma il ruolo di capo ufficio stampa di Ciampino e dello scalo intercontinentale di Fiumicino. Divenuto dirigente con l'incarico di responsabile delle relazioni esterne dell' Ente Tabacchi Italiani ( 1999 ), lo ha lasciato dopo la sua privatizzazione per essere nominato Direttore della Comunicazione e dei Rapporti Istituzionali in Eur Spa ( 2004 ).Da alcuni anni riveste un ruolo di responsabilità in Eur Tel ( 2011 ) dove guida la Direzione Commerciale. Attento osservatore del mondo del trasporto aereo, dove ha acquisito una considerevole esperienza lavorativa, oggi è uno stimato punto di riferimento per la comunicazione d'emergenza e la gestione della crisi di aziende. Cinema, letture, viaggi e buona cucina sono i suoi interessi dichiarati.

Rita Di Iorio
Psicologa delle Emergenze ambientali e civili. Vicepresidente del Centro Alfredo Rampi onlus. Coordinatore Gruppo di Lavoro Psicologia delle Emergenze dell'Ordine degli psicologi del Lazio. Consulente Tecnico d'Ufficio del Tribunale Civile di Roma. Consulente e formatore per le tematiche relative alla Psicologia delle Emergenze e all'informazione alla popolazione per diversi associazioni , enti locali e scientifici ( Comune di Roma, Provincia di Roma, Regione Lazio, Prefettura di Roma, diversi comuni laziali, ASL Roma H, Istituto Prevenzione Protezione dell'Università di Tor Vergata, Ordine degli Psicologi della Regione Lazio, Ordine psicologi Umbria, Consorzio Umanitas - Università cattoliche Roma, Save the Children, Istituti Scolastici di ogni ordine e grado). Responsabile e docente del Corso biennale di Alta Formazione "Prevenzione e gestione delle emergenze ambientali e civili" (2008-2015) e responsabile del comitato direttivo della rivista on line "Conosco Imparo Prevengo" ( psicologia dell'emergenza, protezione civile, sicurezza) del Centro Alfredo Rampi con la collaborazione dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e dell'Università di Tor Vergata di Roma e l'Istituto do previsione e prevenzione dell'Università di Tor Vergata. Autrice di diversi saggi e manuali, opuscoli e numerosissimi articoli su riviste divulgative e scientifiche. Ha partecipato a diverse trasmissioni televisive e radiofoniche.

La quota di partecipazione è di euro 100,00 + Iva: 122,00 euro

 Per informazioni: andreatirone@cdgweb.it - 06.6791496

  • Psicologia delle emergenze (Rita Di Iorio)
  • Reazioni delle vittime (Rita Di Iorio)
  • Relazione fra il giornalista e le vittime coinvolte in emergenza (Rita Di Iorio)
  • Simulazione in aula (Rita Di Iorio)
  • Cos'è la Comunicazione di Crisi - Definizione e generalità (Pier Carlo Sommo)
  • Come si sviluppa la Crisi, affrontarla e prevenirla (Pier Carlo Sommo)
  • Il Ruolo dell' Ufficio stampa e i rapporti con i media (Pier Carlo Sommo)
  • Giornalisti e crisi (Pier Carlo Sommo)
  • Crisi, internet e social media (Pier Carlo Sommo)
  • Case History internazionali e locali (Fabio Grisanti)

 

 MAIN SPONSOR

MEDIA PARTNER

Iscriviti alla newsletter

Compila il form per iscriverti alla nostra newsletter.

Ho letto l'informativa privacy e acconsento all'uso dei dati

Regolamento per la Formazione Professionale Continua dei giornalisti professionisti e pubblicisti

Per effetto dell'art.7 del Dpr 137/2012, dal primo gennaio 2014 anche i giornalisti italiani dovranno assolvere all'obbligo della Formazione Professionale Continua (FPC) per adeguarsi alla normativa che prevede l'aggiornamento per tutti gli iscritti ad un Ordine professionale come una delle condizioni per poter mantenere la propria iscrizione all'Ordine stesso.

Crediti formativi:

Ogni iscritto dovrà maturare 60 crediti formativi (CFP) in un triennio, (con un minimo di 15 crediti annuali) di cui almeno 20 su temi deontologici. I crediti possono anche essere interamente conseguiti seguendo gli eventi formativi on-line.

Consulta i tuoi crediti formativi sulla piattaforma Sigef >>

 

La normativa di riferimento:

La formazione professionale continua è un obbligo deontologico per tutti i giornalisti in attività. (art.2 del Regolamento sulla FPC).
Il giornalista può essere esentato dallo svolgimento della formazione professionale continua nei seguenti casi:

  • Gli iscritti all'Albo da più di 30 anni che svolgano attività giornalistica, a qualsiasi titolo, sono tenuti ad assolvere l'obbligo formativo limitatamente all'acquisizione di 20 crediti deontologici nel triennio.
  • Sono esentati dall'obbligo formativo coloro che sono in quiescenza a condizione che non svolgano alcuna attività giornalistica.

Il periodo di formazione professionale continua è triennale. Il primo triennio decorre dal 1 gennaio 2014. Per i neo-iscritti, così come per coloro i quali erano esentati per i primi tre anni d'iscrizione in virtù del vecchio regolamento, l'obbligo formativo scatterà a partire dal 1 gennaio 2016.


In base all'art 2 del Regolamento il giornalista deve acquisire 60 crediti formativi in ciascun triennio, con un minimo di 15 crediti annuali di cui almeno 20 su temi deontologici. I crediti possono anche essere interamente conseguiti seguendo gli eventi formativi on-line.

Ogni ora trascorsa per partecipare ad un evento formativo darà diritto a 1 credito.

Sanzioni:

La violazione dell'obbligo di formazione continua comporta la possibilità di avviare un'azione disciplinare nei confronti dell'iscritto inadempiente. Qualora persista l'inosservanza, il Consiglio regionale dell'Ordine ne dà segnalazione al Consiglio di disciplina territoriale.

Per ulteriori informazioni:
http://www.odg.it/content/formazione-continua