Formazione Professionale Continua per Giornalisti professionisti e pubblicisti

Formazione continua

Basilea 3 e Unione Bancaria: troppi vincoli o nuove opportunità?

Lunedì 16 Novembre 2015 ore 9.00-13.00
Tower Hall Unicredit - Piazza Gae Aulenti - Milano

4 crediti per la formazione professionale continua

Il Centro di Documentazione Giornalistica, attraverso il Centrostudi Giornalismo e Comunicazione organizzano il corso di formazione "Basilea 3 e Unione Bancaria: troppi vincoli o nuove opportunità?", valido 4 crediti per la formazione professionale continua dei giornalisti.


Il corso è gratuito e prevede prenotazione obbligatoria attraverso la Piattaforma Sigef.

Obiettivi del corso: Lo scopo del corso è quello di fornire ai giornalisti un quadro di quali sono le istituzioni finanziare europee e che tipo di ruolo esercitano nel nuovo contesto che si sta creando. Si farà il punto sull’unione bancaria, quanto è necessaria, cosa comporterà e soprattutto quanto manca perché sia effettiva.

Competenze da acquisire: Fornire conoscenze che permettono di comprendere vincoli ed opportunità che le normative europee (Basilea 3) porteranno ai nostri istituti di credito e a quelli degli altri stati membri.

Docenti: Matteo Cominetta, Giuseppe Chiellino, Bonifacio Di Francescantonio

 

 

PROGRAMMA

 

 9.00 - 9.15     Saluti ed apertura lavori

 

9.15 - 10.30     I requisiti regolamentari di Basilea 3 (Bonifacio Di Francescantonio)

 

10.30 - 11.30     Italia - Unione bancaria: che cos’è e quali effetti potrà avere (Giuseppe Chiellino)

 

11.30 - 11.45    Pausa

 

11.45 - 12.45     Le istituzioni finanziarie europee e il processo di Unione bancaria (Matteo Cominetta)

 

13.00 - 13.15    Question time, conclusioni e saluti

 

 
 

 Per informazioni: andreatirone@cdgweb.it - 06.6791496

 

MAIN SPONSOR

 

MEDIA PARTNER

 

Iscriviti alla newsletter

Compila il form per iscriverti alla nostra newsletter.

Ho letto l'informativa privacy e acconsento all'uso dei dati

Regolamento per la Formazione Professionale Continua dei giornalisti professionisti e pubblicisti

Per effetto dell'art.7 del Dpr 137/2012, dal primo gennaio 2014 anche i giornalisti italiani dovranno assolvere all'obbligo della Formazione Professionale Continua (FPC) per adeguarsi alla normativa che prevede l'aggiornamento per tutti gli iscritti ad un Ordine professionale come una delle condizioni per poter mantenere la propria iscrizione all'Ordine stesso.

Crediti formativi:

Ogni iscritto dovrà maturare 60 crediti formativi (CFP) in un triennio, (con un minimo di 15 crediti annuali) di cui almeno 20 su temi deontologici. I crediti possono anche essere interamente conseguiti seguendo gli eventi formativi on-line.

Consulta i tuoi crediti formativi sulla piattaforma Sigef >>

 

La normativa di riferimento:

La formazione professionale continua è un obbligo deontologico per tutti i giornalisti in attività. (art.2 del Regolamento sulla FPC).
Il giornalista può essere esentato dallo svolgimento della formazione professionale continua nei seguenti casi:

  • Gli iscritti all'Albo da più di 30 anni che svolgano attività giornalistica, a qualsiasi titolo, sono tenuti ad assolvere l'obbligo formativo limitatamente all'acquisizione di 20 crediti deontologici nel triennio.
  • Sono esentati dall'obbligo formativo coloro che sono in quiescenza a condizione che non svolgano alcuna attività giornalistica.

Il periodo di formazione professionale continua è triennale. Il primo triennio decorre dal 1 gennaio 2014. Per i neo-iscritti, così come per coloro i quali erano esentati per i primi tre anni d'iscrizione in virtù del vecchio regolamento, l'obbligo formativo scatterà a partire dal 1 gennaio 2016.


In base all'art 2 del Regolamento il giornalista deve acquisire 60 crediti formativi in ciascun triennio, con un minimo di 15 crediti annuali di cui almeno 20 su temi deontologici. I crediti possono anche essere interamente conseguiti seguendo gli eventi formativi on-line.

Ogni ora trascorsa per partecipare ad un evento formativo darà diritto a 1 credito.

Sanzioni:

La violazione dell'obbligo di formazione continua comporta la possibilità di avviare un'azione disciplinare nei confronti dell'iscritto inadempiente. Qualora persista l'inosservanza, il Consiglio regionale dell'Ordine ne dà segnalazione al Consiglio di disciplina territoriale.

Per ulteriori informazioni:
http://www.odg.it/content/formazione-continua