Formazione Professionale Continua per Giornalisti professionisti e pubblicisti

Formazione continua

Il giornalismo radiofonico "dallo studio" alla web radio.
Tecniche, pratica, scenari

testata 

Venerdì 13 novembre 2015 ore 9.30-18.30
Roma - Hotel Nazionale - Piazza di Montecitorio, 131
8 crediti per la formazione professionale continua

Il Centro di Documentazione Giornalistica, attraverso il Centrostudi Giornalismo e Comunicazione organizza il corso di formazione "Il giornalismo radiofonico "dallo studio" alla web radio. Tecniche, pratica, scenari", valido 8 crediti per la formazione professionale continua dei giornalisti.

Il corso prevede prenotazione obbligatoria.

Obiettivi del corso: come si fa giornalismo in radio, mettendo a fuoco le specificità di una radio "tradizionale" e di una web radio. Sottolineare l'interazione tra radio i social media e il web. Gli scenari futuri..

Competenze da acquisire: comprendere il lavoro del redattore dall'ideazione, alla scrittura, alla messa in onda. Costruire un palinsesto, come preparare un radio giornale o un programma d'intrattenimento: linguaggio, scrittura. Web radio: specificità, come si crea e come si gestisce, podcasting, il web e i social; usare gli strumenti di trasmissione, trasmettere live da qualunque parte del mondo, autoprodurre una trasmissione.

Docenti:

ALBERTAZZI gamaleri sulis
Carlo Albertazzi Gianpiero Gamaleri Danilo Sulis

 

Programma:

Carlo Albertazzi

  • La peculiarità del mezzo radiofonico:
  • come andare in onda,
  • come parlare alla radio,
  • come costruire un palinsesto,
  • come preparare un radio giornale o un programma d'intrattenimento: linguaggio, scrittura
  • come si costruisce l' interazione radio e i social e il web
  • la verifica delle fonti.
  • Gli scenari futuri.

Il giornalismo radiofonico - Gianpiero Gamaleri

  • Il linguaggio giornalistico radiofonico.

Web radio – Danilo Sulis

  • Breve presentazione.
  • Dall'fm alla web radio (da radio Aut a radio 100 passi).
  • Web radio: come si crea e come si gestisce.
  • I podcast, il web e i social.
  • Software, hardware e strumenti di trasmissione.
  • Trasmettere live da qualunque parte del mondo.
  • Autoprodurre una trasmissione, (software e montaggio).
  • Il pubblico della radio in rete ed i giovani.
  • Push e pull nell'esperienza di Rete 100 passi.
  • Gli scenari futuri.

 

La quota di partecipazione di euro 100,00 + Iva = 122,00 euro.


ISCRIVITI ORA

 Per informazioni: andreatirone@cdgweb.it - 06.6791496

Professionista dal 1989, giornalista e conduttore radiofonico è in Rai dal 1992. Iscritto alla Stampa Parlamentare, ha seguito i principali avvenimenti politici degli ultimi vent’anni ed è stato caporedattore della redazione politica del Giornale Radio. Dal 2009 è vicedirettore della stessa testata, per la quale ha curato e condotto le trasmissioni elettorali e gli Speciali in occasione di grandi avvenimenti. È ideatore e conduttore della trasmissione di Radio1Rai “Il Pescatore di perle”. Attualmente è responsabile della rete istituzionale di RadioRai "Gr Parlamento".
Professore ordinario di Sociologia dei processi culturali e comunicativi, preside della Facoltà di Scienze della comunicazione all’Università telematica internazionale Uninettuno di Roma e docente di Teoria della comunicazione alla Pontificia Università della Santa Croce in Roma. Giornalista professionista, collabora a quotidiani, periodici e riviste specializzate. È stato dirigente e consigliere di amministrazione della Rai e della Triennale di Milano.
Tecnico del suono e musicista palermitano, Danilo Sulis ha ricoperto importanti cariche nell’ambito dello spettacolo e della musica anche di natura sindacale. Storico amico di Peppino Impastato, come ironicamente rappresentato nel film “I cento passi”, all’epoca aiutò l’attivista ad aprire Radio Aut procurando l’attrezzatura tecnica, mettendo a disposizione le sue competenze per organizzare il primo festival rock siciliano nella spiaggia Magaggiari di Cinisi e collaborando alla nascita del Circolo Musica e cultura primo passo della ormai nota storia del giovane assassinato dalla mafia. Fautore della riapertura della radio con la nascita di Radio 100 Passi, è attualmente direttore editoriale della testata giornalistica e Presidente di Rete 100 Passi che oltre alla radio ha dato vita al quotidiano 100 passi journal, a 100 passi tv ed alle community di Radio 100 passi sparse in Italia ed all'estero. Rete 100 passi nasce con l'obiettivo di contrastare le mafie attraverso la diffusione della cultura della legalità, l’informazione libera, l’affermazione dei valori della Costituzione, la tutela dell’ambiente, la promozione di forme d’arte, la difesa dei diritti civili.

Iscriviti alla newsletter

Compila il form per iscriverti alla nostra newsletter.

Ho letto l'informativa privacy e acconsento all'uso dei dati

Regolamento per la Formazione Professionale Continua dei giornalisti professionisti e pubblicisti

Per effetto dell'art.7 del Dpr 137/2012, dal primo gennaio 2014 anche i giornalisti italiani dovranno assolvere all'obbligo della Formazione Professionale Continua (FPC) per adeguarsi alla normativa che prevede l'aggiornamento per tutti gli iscritti ad un Ordine professionale come una delle condizioni per poter mantenere la propria iscrizione all'Ordine stesso.

Crediti formativi:

Ogni iscritto dovrà maturare 60 crediti formativi (CFP) in un triennio, (con un minimo di 15 crediti annuali) di cui almeno 20 su temi deontologici. I crediti possono anche essere interamente conseguiti seguendo gli eventi formativi on-line.

Consulta i tuoi crediti formativi sulla piattaforma Sigef >>

 

La normativa di riferimento:

La formazione professionale continua è un obbligo deontologico per tutti i giornalisti in attività. (art.2 del Regolamento sulla FPC).
Il giornalista può essere esentato dallo svolgimento della formazione professionale continua nei seguenti casi:

  • Gli iscritti all'Albo da più di 30 anni che svolgano attività giornalistica, a qualsiasi titolo, sono tenuti ad assolvere l'obbligo formativo limitatamente all'acquisizione di 20 crediti deontologici nel triennio.
  • Sono esentati dall'obbligo formativo coloro che sono in quiescenza a condizione che non svolgano alcuna attività giornalistica.

Il periodo di formazione professionale continua è triennale. Il primo triennio decorre dal 1 gennaio 2014. Per i neo-iscritti, così come per coloro i quali erano esentati per i primi tre anni d'iscrizione in virtù del vecchio regolamento, l'obbligo formativo scatterà a partire dal 1 gennaio 2016.


In base all'art 2 del Regolamento il giornalista deve acquisire 60 crediti formativi in ciascun triennio, con un minimo di 15 crediti annuali di cui almeno 20 su temi deontologici. I crediti possono anche essere interamente conseguiti seguendo gli eventi formativi on-line.

Ogni ora trascorsa per partecipare ad un evento formativo darà diritto a 1 credito.

Sanzioni:

La violazione dell'obbligo di formazione continua comporta la possibilità di avviare un'azione disciplinare nei confronti dell'iscritto inadempiente. Qualora persista l'inosservanza, il Consiglio regionale dell'Ordine ne dà segnalazione al Consiglio di disciplina territoriale.

Per ulteriori informazioni:
http://www.odg.it/content/formazione-continua